Blog

Consigli utili di marketing online

Home / Marketing / 10 parametri da valutare quando si richiede un’offerta per siti web
giu 10 2015

10 parametri da valutare quando si richiede un’offerta per siti web

Dopo aver detto la mia sui Metatag, oggi voglio parlare del costo di un sito web e in particolare di cosa bisogna valutare nel momento in cui si confrontano le offerte di diversi freelance ed agenzie web.

Nell’ottica del risparmio, molto spesso le aziende sono convinte di aver fatto l’affare delle loro vita trovando qualcuno che realizza un sito web per poche centinaia di euro “uguale uguale” a quello che farebbe un’altra agenzia per il triplo del compenso. Ma siamo proprio sicuri che il sito sia “uguale uguale”? Ecco quindi una breve guida per aiutarvi a verificare cosa realmente dovrebbero offrire le agenzie web nei loro preventivi!

  1. Hosting, mail e spazio web

  2. Un sito web è ospitato su uno spazio. Il costo di un sito dipende quindi anche dal canone, cioè dal costo dell’affitto che l’agenzia vi chiede per ospitare il vostro sito web, e il canone ovviamente dipende dai servizi e dalla sicurezza che l’agenzia vi offre. Per questo motivo, quando confrontate i preventivi, verificate anche cosa è compreso in merito ai servizi hosting e mail, facendovi spiegare bene cosa è incluso e cosa no e quale sarà il canone da pagare negli anni successivi.

  3. Dominio

  4. Il dominio è il nome del vostro sito. Alcune aziende vi fanno pagare molto poco la realizzazione del sito, ma il nome resta di loro proprietà, con la conseguenza che, nel momento in cui volete cambiare fornitore, perdete il vostro nome on line. Nei preventivi verificate quindi chi sarà il vero proprietario del sito web, in modo da capire se in futuro il dominio resterà vostro o sarete legati vita natural durante a chi vi crea il sito per la prima volta a basso costo.

  5. Modifiche del sito

  6. Un sito web realizzato con una tecnologia economica ma obsoleta non sempre permette di essere modificato in autonomia. Inoltre, anche se oggi giorno molti sviluppatori di siti web utilizzano piattaforme CMS, potrebbero non rilasciarvi gli accessi, con la conseguenza che il sito inizialmente costa poco, ma ad ogni modifica dovete tornare dallo stesso fornitore che potrebbe non essere più così disponibile.

    Per correggere un numero di telefono potrebbero servire giorni… pensate a tutti i clienti persi nel frattempo!

  7. Sezione blog e news

  8. Direttamente collegata alla possibilità di aggiornare il sito, c’è la sezione news o blog. Il web è veloce, avere un sito senza sezione news significa lasciarlo a se stesso, non curarlo, e non invogliare gli utenti a frequentarlo, lasciandolo cadere nel “dimenticatoio”. Purtroppo spesso i siti economici non prevedono questa sezione e il vostro investimento, seppur limitato, rischia di non darvi la possibilità di mantenervi attivi nel web e di venire quindi dimenticati in poco tempo.

  9. Menu e usability

  10. La usability è la disciplina che studia la facilità di fruizione di un sito web, perché più un sito web ha una navigazione facile, intuitiva e coerente, più gli utenti saranno invogliati a visitarlo. Un sito creato in fretta e furia per stare in un budget limitato, rischia di non curare quest’aspetto, con la conseguenza che non verrà visitato perché complesso e difficile da navigare.

    Per richiedere la verifica dell’usability sul tuo sito clicca qui

  11. Testi e contenuti

  12. La creazione di un sito, spesso, prevede solo la sua parte grafica, e non i contenuti, che sono la parte fondamentale del web 2.0, quelli che vi permetteranno di fare la differenza. Quando chiedete un preventivo di un sito, siate consapevoli di questo e, se non avete tempo, voglia o competenze per scrivere da soli contenuti SEO, fateli ottimizzare a chi realizza il sito o ad un SEO Copywriter, certamente spenderete poco di più, ma risparmierete tempo e vi sarete affidati a qualcuno competente in materia!
    Budget sito web

  13. Registrazione su Google Maps

  14. Un’attività deve essere trovata e chi meglio di Google può aiutarvi in questo? Verificate che nella creazione del sito sia compresa anche la registrazione su Google Maps, affinché la vostra azienda venga trovata più facilmente da tutti i potenziali clienti.

  15. Visibilità per Google

  16. Prima di essere pubblicato un sito deve essere presentato a Google e i suoi spider devono poterci entrare e navigare facilmente. Alcuni siti particolarmente economici non prevedono le funzionalità tecniche necessarie a farsi vedere da Google, per cui il sito non verrà indicizzato e i navigatori del web non troveranno la strada per poterlo raggiungere.

  17. Sapere chi vede il sito

  18. Google Analytics è il sistema più utilizzato per sapere chi, quando, come e dove viene visitato un sito e creare quindi strategie di marketing più mirate e potenzialmente più efficaci. Avere accesso alle statistiche è quindi fondamentale per poter capire il rendimento del nostro investimento, ma anche in questo caso i siti economici non sempre permettono di avere queste funzionalità.

  19. Cookies Policy

  20. Novità dell’ultim’ora è la banda con la cookies policy obbligatoria su tutti i siti dal 02 Giugno 2015. Quando chiedete un preventivo per un nuovo sito verificate che la cookies policy sia compresa nello sviluppo e, se non è compresa, sappiate che anche questo sarà un costo aggiuntivo rispetto al preventivo. Se decidete di non inserirla per risparmiare “qualcosina”, rischiate una multa da 6 000 Euro a più di 100 000 Euro. Forse vale la pena spendere qualche cento euro in più in fase di sviluppo, no?

Ed eccoci quindi alla domanda iniziale. Siete proprio sicuri che i preventivi richiesti siano “uguali uguali” o anche per i siti web vale il famoso detto “chi più spende meno spende”?

Aspetto le vostre opinioni!

Condividi questo post

Lascia un Commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>