Ai negozianti è permesso effettuare consegne a domicilio con dispositivi di protezione adeguati. Prima di consegnare, però, bisogna ricevere gli ordini! Ecco come trovare clienti con il Web e gestire le consegne senza impazzire.

1. Sfrutta i Social Network

I siti web e gli e-commerce offrono molte più possibilità di vendita rispetto ad una semplice pagina Facebook, ma per realizzare un sito serve tempo e una strategia ben pianificata, e ora i negozianti hanno bisogno di una soluzione pronta all’uso.
Aprire una pagina aziendale sui Social Network è quindi il canale più economico e veloce per avere un filo diretto con i clienti, ricevere gli ordini e mantenere aperta la propria attività.
Attenzione però, i Social Network vanno gestiti con metodo, non basta pubblicare un post dal proprio profilo personale nei gruppi dei paesi limitrofi o scrivere un post e sponsorizzarlo seguendo la procedura guidata proposta da Facebook: affinché la propria attività sui Social sia efficace bisogna creare contenuti utili, chiari ed efficaci. Ecco come.

In questo periodo non solo potresti riuscire a “restare a galla”, ma addirittura potresti trovare nuovi clienti che, se saranno soddisfatti del tuo servizio, torneranno da te anche dopo questo periodo difficile.

2. Comunica quando e dove fai consegne a domicilio

La chiarezza prima di tutto. Il fatto che i negozianti possano effettuare consegne a domicilio non significa che tutti siano disposti ad arrivare dappertutto. In questo periodo mi è capitato di leggere post condivisi da amici e post sponsorizzati con scritto “Ti consegniamo il gelato/la pizza/la frutta/le scarpe/chi più ne ha più ne metta… direttamente a casa”.
Ora, io vedo il post, non riconosco il nome del negozio, ma penso “wow, il gelato artigianale a casa” per poi scoprire che la gelateria disposta a portarmi il gelato direttamente a casa si trova a 88km dal mio indirizzo… dubito fortemente che venga a suonarmi il campanello per mezzo kilo di gelato!
Affinché sia efficace, ogni post deve riportare le tue condizioni di consegna, ad esempio “consegniamo a Bergamo, Alzano e Nembro dalle 18 alle 22” oppure “Consegniamo a Como e provincia nel pomeriggio”. In questo modo aiuti gli utenti a capire se possono usufruire del servizio e aumenti le possibilità che si rivolgano a te.

3. Specifica quali prodotti puoi consegnare

Un altro esempio di post poco chiaro che mi è capitato di leggere è “consegniamo dolciumi e prodotti da forno a casa tua”. Anche in questo caso da utente sono molto restia a contattare il negoziante perché non ho ben chiaro cosa effettivamente vende. Meglio quindi essere specifici e fornire agli utenti foto e descrizioni dei prodotti: un post con scritto “consegniamo focaccia alle olive” è molto più attraente rispetto ad un generico “prodotto da forno”, fa venire l’acquolina in bocca e spinge gli utenti a chiamarti subito per fare un ordine.

4. Specifica i prezzi

La vera paura di chi compra on line è la fregatura. Questo accade con gli e-commerce che riportano pagine intere dedicate ai resi e alle condizioni d’acquisto, figuriamoci con dei post generici scritti su Facebook.
Sempre con l’obiettivo di essere chiaro e trasparente con i tuoi clienti, specifica i prezzi dei prodotti che vendi: aiuterai gli utenti a fidarsi di te perché avranno la certezza che non stai cercando di fregarli e approfittarti della situazione. Inoltre, renderai più veloce la consegna, perché l’utente saprà quanto sta per spendere e preparerà l’importo corretto senza farti perdere tempo.

5. Definisci un minimo di acquisto

Ci sono consegne che non valgono la pena di essere evase, pensiamo ad esempio agli 88km per mezzo kilo di gelato! Se vuoi avere dei minimi d’ordine per poter effettuare la consegna, specificalo in ogni post con una frase come “consegna Euro XXX, gratuita per ordini superiori a 20/30/50 Euro”. Anche in questo caso l’utente sarà rassicurato, saprà a cosa va incontro e sarà più propenso a contattarti.

6. Accetta ordini scritti via Whatsapp/Messanger

Molti commercianti inseriscono il numero da chiamare per effettuare gli ordini. La conseguenza? Il loro telefono continua a squillare, nel trascrivere gli ordini rischiano di perdersi qualcosa per strada e fanno tutto di corsa.
Prediligi ordini scritti via chat, come Whatsapp e Messenger:

  • non dovrai correre al telefono,
  • potrai rispondere al cliente anche dopo un po’ di tempo dall’ordine – ovvio, non far passare settimane prima di rispondere e cerca di dare un segno di vita almeno entro un’ora dal ricevimento del suo messaggio,
  • avrai l’ordine completo scritto nero su bianco.

7. Pubblicizza il tuo servizio

Una volta che hai scritto un post completo che rassicura il potenziale cliente e gli fornisce tutte le informazioni di cui ha bisogno, puoi iniziare a sponsorizzare il post della tua pagina aziendale in tre modi:

  • Condividendolo sulla tua pagina personale e chiedendo ad amici e parenti di fare lo stesso, per fare in modo che il tuo post venga letto da un numero sempre maggiore di possibili clienti
  • Condividendolo su gruppi e pagine frequentate dai tuoi potenziali clienti, ad esempio i gruppi “Sei di [Nomecittà] se…”
  • Sfruttando le sponsorizzate Facebook/Instagram che con una spesa davvero irrisoria ti permettono di mostrare il tuo post a più persone possibili nella zona geografica di tuo interesse
  • Vuoi avere qualche consiglio in più per aprire una pagina professionale sui Social Network e acquisire nuovi clienti per le tue consegne a domicilio? Chiamami al numero 320 17 95 789!

    PS. Chiama anche se vuoi mandarmi il gelato a domicilio, e hai bisogno del mio indirizzo 😉

    Come gestire e ottenere ordini durante il covid-19

    Ti è piaciuto questo articolo? Allora condividilo!